Psoriasi: cause e rimedi

La psoriasi è una malattia in cui le cellule cutanee impazziscono. Normalmente la pelle si rinnova all’incirca in trenta giorni. Questo è il tempo che occorre perché una cellula cutanea passi dallo strato cutaneo più interno alla superficie.

Cos’è la psoriasi e quali sono le cause?

In questo tipo di malattia, la cellula arriva allo strato superiore in soli tre giorni. Il risultato sono zone rilevate dalla pelle “le placche” che sono rosse e a volte irritanti. Nel momento in cui le cellule hanno raggiunto la superficie muoiono come le cellule normali, ma sono così tante che le placche diventano bianche per lo sfaldarsi delle cellule morte.

La psoriasi, a volte, va a cicli di attacchi e remissione e questi attacchi si sviluppano spesso durante la stagione invernale. Può succedere che questa malattia sparisca per mesi e spesso anche per anni e può migliorare o peggiorare con l’avanzamento dell’età. Molti studiosi cercano inutilmente una cura ma in realtà non si conosce nemmeno la causa!

Come curare la psoriasi

Noi possiamo elencarvi alcune strategie, Dopo consulto con il medico, o meglio dire esperimenti, che possono avere risultati diversi a seconda della persona.

Una cosa molto importante da sottolineare è che nel momento in cui scoprite di avere la psoriasi, dovete accettarla, come già detto si possono prevedere i suoi sviluppi. La psoriasi moderata, invece, può essere tenuta sotto controllo seguendo alcune terapie.

Innanzitutto i dermatologi consigliano le creme emollienti per idratare la pelle che durante questa malattia diventa secca, una di queste è Collagena Lumiskin, un’innovativa crema in grado di sconfiggere molte problematiche legate alla pelle. A tale scopo potete utilizzare, dopo aver fatto il bagno e non ancora asciutti, il vostro olio da massaggio, o olio di mandorle o la vaselina.

Considerando che questa malattia aumenta d’inverno è molto importante l’esposizione al sole. Cercate luoghi dove il clima è caldo e secco, ma fate attenzione perché, come abbiamo già detto nell’articolo sull’abbronzatura estiva, i raggi UV-B sono quelli che scottano la pelle e possono far insorgere il cancro alla pelle e ovviamente peggiorare la psoriasi. Utilizzate, quindi, filtri solari nelle zone non colpite da psoriasi.

Fate uso di preparazioni a base di catrame, spargetelo sulle zone colpite in caso di psoriasi leggera.

Fatevi un bel bagno con acqua riscaldata, risultano ottime per combattere la psoriasi perché appiattiscono le placche ed eliminano le scaglie ma è anche vero che può provocare più prurito.

Se questo rimedio non funziona nel vostro caso, provate con un bagno in acqua fredda, con una tazza o due di aceto di mele, sulle zone colpite da prurito è ottimo per ridurlo.

Ricerche sulla cura della psoriasi

Alcuni ricercatori hanno scoperto che spalmando una crema di cortisone e coprendo le zone colpite dalla psoriasi con un nastro o pellicola di plastica per alcuni giorni o settimane, può in qualche caso, guarire questa malattia. Le cellule che si trovano in superficie diventano umide e a volte sembra che questo rallenti la proliferazione cellulare. Questo trattamento funziona solo su piccole zone è sconsigliabile farlo su grandi zone perché potrebbero infettarsi e peggiorare la malattia.

É molto importante, al fine di sconfiggere questa malattia, rimanere in peso-forma, è provato che dimagrire e perdere i chili in eccesso, migliora la psoriasi.

La psoriasi è un problema per moltissime persone, il blog e soprattutto questo articolo è diretto a tutti coloro che hanno avuto a che fare con questa malattia direttamente o indirettamente.

Infine, torniamo a ricordare che questi consigli possono essere attuato solo sotto consulto del medico. Il corpo di ognuno di noi reagisce diversamente agli agenti atmosferici, chimici, naturali, il tuo medico sa bene cosa consigliarti.