Dermatite

La dermatite è una delle problematiche che maggiormente affligge il proprio corpo sia dal punto di vista estetico che per quanto riguarda il fastidio generato. La cura del nostro aspetto fisico, sempre più importante nella società d´oggi, parte dal viso, ed in particolare dalla qualità della pelle. Per avere una pelle perfetta, è necessario comprendere come poterla curare al meglio per mantenerla giovane, elastica e sana, evitando l’insorgere di problematiche come la dermatite, l’acne, le rughe, la psoriasi, e tante altre patologie causate dagli effetti negativi dello stress, dell´inquinamento, del sole e del passare del tempo.

Cos’è, cause e tipologie di dermatite

La dermatite è una patologia della pelle, non contagiosa, caratterizzata da infiammazione.

Tra le cause ci possono essere l’allergia interna al corpo che si manifesta attraverso la pelle, mancanza o eccesso di alcuni alimenti, contatto con oggetti che provocano irritazione. Può essere causata, inoltre, da reazioni chimiche, fisiche, microbiche o per via di parassiti.

Le forme che più si manifestano sono: la dermatite atopica, la dermatite seborroica e la dermatite da contatto. Ma esistono molte altre tipologie di dermatiti, tra le principali vi sono: la dermatite da stress, la dermatite da sudore e la dermatite allergica.

Rimedi naturali

Per quanto riguarda i rimedi per la dermatite, purtroppo, non sono stati ancora individuati dei trattamenti definitivi, ma solo rimedi per diminuire il prurito, l’infiammazione ed il disagio.

Vediamo quali sono i migliori rimedi naturali che possono essere usati per curare la pelle e tenerla sempre sana nonostante il passare del tempo ed altri fattori esterni tendano a rovinarla, diminuendo rossori e pruriti causati dalla dermatite.

Vitamina C per una pelle giovane ed elastica

La vitamina C è senz’altro la più conosciuta tra le vitamine, che si associa principalmente alle spremute di arance fresche. La vitamina C è nota per le sue proprietà antivirali ed antibatteriche, tanto è vero che se ne consiglia l’assunzione quando l’organismo è debilitato in seguito a stati influenzali o a raffreddori forti. Tuttavia la vitamina C ha proprietà utilissime anche per la vostra bellezza; scopriamole insieme.

La vitamina C aiuta a combattere la cellulite, una vera e propria spada di Damocle per molte donne di tutte le età. La vitamina C, infatti, serve per produrre il collagene, una proteina che mantiene la pelle giovane ed elastica. Molte creme di bellezza per il viso e per il corpo sono a base di vitamina C e di collagene, proprio in virtù delle loro proprietà davvero benefiche.

Se è risaputo che la vitamina C è contenuta soprattutto nelle arance e negli agrumi in generale, ci sono altri alimenti che la forniscono: il kiwi, la papaia, i lamponi, i ribes e i peperoni verdi. Naturalmente, tra quelli appena citati, arance, limoni e kiwi sono quelli che si consumano maggiormente; pertanto, per garantire all’organismo un apporto corretto, di vitamina C si raccomanda di consumare almeno uno o due di questi frutti.

Le creme per la cura della pelle

Anche se non ci sono ancora rughe, dopo i 40 anni si inizia con prodotti che promettono un effetto lifting durevole e combattono il colorito spento della pelle, poi a 70, dopo anni di creme e cremine, c’è ancora la speranza di credere alle creme che rimpolpano le rughe e che promettono che il loro viso irradierà nuova giovinezza.

Non è in dubbio che molte creme per curare la pelle abbiano qualità benefiche, come ad esempio Collagena Lumiskin, la crema che combatte rughe e macchie della pelle, la quale permette di ottenere degli ottimi risultati in poco tempo, migliorando di molto anche l’idratazione della pelle e per di più è totalmente naturale; ciò che però è pericoloso sono le promesse miracolose che alcune campagne pubblicitarie lanciano nei confronti degli utenti. Talvolta, le sostanze si depositano sulla superficie della nostra epidermide con il risultato che un uso frequente può produrre un effetto-accumulo, quindi attenzione a come scegliere le crema antirughe e in generale un prodotto di cosmesi.

Una cosa importantissima è quella di tentare di decifrare l’INCI, (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) l’elenco degli ingredienti scritti in ordine decrescente di concentrazione e documentarsi visto che i contenuti sono scritti in inglese.

Il Regolamento 1223/2009 che istituisce un principio di tutela dei consumatori in materia di cosmetici, afferma che tra gli aspetti salienti, nell’etichetta non dovranno essere impiegati diciture, denominazioni, marchi, immagini o altri segni, figurativi o meno, «che attribuiscano ai prodotti stessi caratteristiche o funzioni che non possiedono».

Altre problematiche e patologie della pelle

La pelle per svolgere il ruolo di organo emuntorio non deve trovare ostacoli, quindi non deve essere infiammata, irritata, troppo grassa o troppo secca. A causa dell’eccessivo accumulo di sebo che lubrifica la pelle senza dargli la possibilità di seccarsi, troviamo delle pelli lucide. L’accumulo di sebo comporta un’ostruzione dei pori. Esso è prodotto dalle ghiandole sebacee, poste alla radice dei peli.

Pelle grassa

Per le persone che hanno la pelle grassa, noi consigliamo di prepararvi una lozione mescolando in una centrifuga succo di carota, cerfoglio, pompelmo e lattuga e tamponare il viso la sera prima di andare a dormire. Inoltre una volta a settimana preparatevi una maschera a base di cetriolo e di pomodoro fresco, frullate il tutto e spalmatevela sul viso a strati molto spessi, fatela seccare e risciacquate. Un’altra causa per questo tipo di pelle è l’alimentazione scorretta e dall’assunzione eccessiva di cibi nocivi.

  • Rimedi: Evitate caffè, bibite gassate, fritti, dolci e sigarette e optate per tanta frutta. Ricordate che anche se avete una pelle grassa, rimane sempre debole, quindi evitate di aggredirla e irritarla.

Pelle secca

Nel caso in cui si ha una scarsità di sebo, andiamo in contro a pelli secche. In questo caso si ha un accumulo di cellule morte che non vengono eliminate naturalmente.

  • Rimedi: Il nostro consiglio è di prepararvi un olio di giglio facendo macerare 50 grammi di fiori in un vaso di olio di enotera o di boragine e l’olio deve appena ricoprire i fiori. Coprite e fate bollire a bagnomaria per 2 ore successivamente lasciate raffreddare e filtrate in maniera scrupolosa attraverso un panno sottile e conservate al fresco e ogni sera prima di coricarvi, spalmate questo preparato sul viso. Se volete prepararvi una maschera, scegliete la polpa di pesca o un composto di mele e pere cotte nel latte. Spalmate sul viso per dieci minuti prima di risciacquare. Ricordate che alcuni fattori ambientale tipo l’esposizione al sole, al vento, al caldo o al freddo e utilizzo di detergenti aggressivi aumentano la secchezza della pelle.

Rughe

Le rughe sono un problema per tutte le donne, cosa sono le rughe? le rughe non sono altro che delle pieghe o meglio dei solchi che si formano sulla superficie dell’epidermide, le cause della comparsa sono molteplici, in primis è l’invecchiamento cutaneo con il passare degli anni, altri fattori sono genetici e ambientali come il fumo oppure lo stress.

  • I rimedi utilizzati dalle donne per combattere le rughe sono vari, potete usare l’albume, ottimo contro il deterioramento delle membrane cellulari e per la protezione dei raggi UV grazie alle vitamine E e B.

Acne

Quando parliamo di acne ci riferiamo a un’anomalia o a una malattia della pelle, caratterizzata dalla comparsa di un gruppo di brufoli, di punti neri, o di papule. Come è evidente, non esiste una tipologia unica di comparsa, ma, come illustrerò più avanti,esistono diversi tipi di acne.

Sappiamo poi che è un disturbo molto comune soprattutto tra gli adolescenti, i giovani e gli adulti. Può facilmente formarsi su qualsiasi parte del corpo, anche se le parti principalmente colpite sono il viso, il collo, la schiena superiore e i glutei.
Ovviamente possono comparire diversi tipi di acne, quindi innanzitutto non fare di tutta l’erba un fascio e cominciare a distinguere che i tipi appartenenti ai punti neri sono diversi dai tipi di acne identificabili con il nome di brufoli.